«

»

Mag 28

Basta premere avvio: il progetto di un veicolo che si guida da solo

Sin da quando abbiamo dato il via al progetto Google dell’auto che si guida da sola, avevamo l’obiettivo di sviluppare veicoli che potessero assumersi interamente l’onere della guida. Provate a immaginare: poter fare un salto in centro all’ora di pranzo senza perdere 20 minuti per trovare parcheggio; anziani che possono mantenere la loro autonomia anche se non sono più in grado di guidare: trasformare in storia passata i guidatori distratti o ubriachi.
Ora stiamo costruendo dei prototipi per capire come dovrebbero essere dei veicoli che si guidano completamente da soli. I prototipi saranno progettati per operare in sicurezza e in modo autonomo senza la necessità di intervento umano. Non avranno un volante, nè il pedale dell’acceleratore o del freno … perché non ne hanno bisogno. Il nostro software e i nostri sensori faranno tutto il lavoro. I veicoli saranno molto semplici – vogliamo imparare da questi prototipi e adattarli il più velocemente possibile – ma vi porteranno dove vorrete, semplicemente premendo un tasto. Questo è un passo importante verso il miglioramento della sicurezza stradale e la trasformazione della mobilità per milioni di persone.
E’ stato stimolante avere davanti un foglio bianco e chiedersi “Che cosa dovrebbe esserci di diverso in un veicolo come questo?”. Abbiamo iniziato con la cosa più importante: la sicurezza. Questi veicoli infatti sono dotati di sensori che eliminano i punti ciechi e possono rilevare oggetti in tutte le direzioni ad una distanza maggiore di due campi da calcio, una fattore particolarmente utile su strade trafficate con tanti incroci. Non solo, abbiamo limitato la velocità di questi primi veicoli a 25 miglia orarie [circa 40km/h]. Veniamo agli interni: abbiamo progettato questi veicoli per imparare, non hanno l’obiettivo di essere di lusso, quindi saranno abbastanza parchi sul fronte comfort in questa fase, ma avranno due posti (con cinture di sicurezza), uno spazio per gli effetti personali dei passeggeri, un pulsante di avvio e uno di arresto e uno schermo che mostra il percorso. Piu’ o meno e’ tutto..

Una primissima versione del nostro prototipo e un rendering artistico del nostro veicolo.
Prevediamo di costruire un centinaio di prototipi e, nel corso dell’estate, i nostri autisti della sicurezza inizieranno a testare le versioni iniziali di questi veicoli, dotate di controlli manuali. Se tutto va bene, ci piacerebbe avviare un piccolo programma pilota qui in California nell’arco dei prossimi due anni. Impareremo molto da questa esperienza e, se la tecnologia si sviluppa come speriamo, lavoreremo con dei partner per portare questa tecnologia nel mondo in modo sicuro.
Se siete interessati a seguire gli sviluppi del progetto e condividere le vostre opinioni, unitevi a noi sulla nostra nuova pagina di Google+. Non vediamo l’ora di imparare di più su ciò che i passeggeri si aspettano da un veicolo in cui il loro compito principale è quello di appoggiarsi allo schienale, rilassarsi e godersi il viaggio.