«

»

Mag 20

Cyber Security Intelligence (2 di 2)

Questo secondo articolo continua la serie iniziata con l’articolo sulla complessità delle nuove minacce sui dispositivi mobili precedentemente pubblicato.
Notoriamente un attacco informatico inizia da una prima fase di ricerca, raccolta delle informazioni e analisi dell’obiettivo, l’esecuzione dell’attacco in sé è solo una delle ultime fasi.

Il ruolo del gruppo di Cyber ​​Threat Intelligence (CTI) in azienda gioca un ruolo cruciale per prevenire e arginare anche queste tipologie di attacchi. La tempestività caratterizza l’efficienza e l’efficacia dell’intelligence.

Un’attività di security intelligence pone le sua fondamenta in un modello che sia il più possibile operativo, semplice e chiaro e che possa essere in seguito implementato anche nelle soluzioni tecnologiche aziendali già in essere, al fine di ridurre l’esposizione al rischio dell’azienda stessa.

Di seguito le fasi principali:
Tenere monitorate le fonti di security intelligence;Raccogliere informazioni rilevanti circa il profilo di rischio della società;Identificare gli attori (Threat Actors) e individuare le tattiche, le tecniche e le procedure utilizzate (TTP);Comunicare la possibile minaccia agli stakeholder aziendali (sia interni che esterni);Integrare l’intelligence acquisita con l’ecosistema dei sistemi di sicurezza IT aziendali esistenti
clip_image002

Il Threat Intelligence Analyst (TIA) durante la prima fase:
Valuta l’affidabilità dell’intelligence e la legittimità della sorgente;Identifica l’effettivo rischio che la minaccia pone e pianifica un meeting con gli altri membri del gruppo (ad esempio il CIRT/CSERT). Il CIRT/CSERT, darà una risposta alle seguenti domande:
La fonte dell’ intelligence è effettivamente pertinente e credibile?L’informazione identificata è di pubblico dominio?Qual è la probabilità che la minaccia venga sfruttata contro l’azienda?Che impatto potrà avere sulle persone, i processi e le tecnologie?Quali provvedimenti è necessario che l’azienda adotti?
Tutte queste azioni confluiscono nella terza fase (identificare e analizzare). Al completamento dell’analisi della gravità della minaccia, il gruppo di sicurezza prepara una comunicazione agli stakeholders della società (comunicare).

La comunicazione dovrà contenere le seguenti informazioni:
Descrizione della minaccia;Rilevanza di tale minaccia per la società;Identificazione degli attori, motivazioni, tecniche e tool utilizzati;Classificazione della minaccia;Severità della minaccia;Priorità con la quale la minaccia deve essere gestita;Impatto della minaccia;Piano d’azione.Una volta appurata la pertinenza del report, gli stakeholder della società potranno decidere se distribuire il report anche a stakeholder esterni, rendendolo anonimo e utilizzando standard, protocolli e tool come: CIF, IETF MILE standards, CybOX/STIX/TAXII, OTX, OpenIOC, TLP.

La fase finale del processo è rappresentata dall’integrazione di tale intelligence nei sistemi di sicurezza già in uso in azienda: il gruppo di security operations esegue delle ricerche sullo storico degli eventi, tramite l’analisi di questi, implementando le funzionalità di protezione e monitoraggio sulla tecnologia disponibile. Qualora la minaccia dovesse essere presente in azienda, potrà venire avviata immediatamente la procedura per la gestione dei sistemi compromessi.

Per maggiori dettagli, è possibile far riferimento al seguente link:
http://www.emc.com/services/rsa-services/advanced-cyber-defense/index.htm

Autori:
Demetrio Milea – RSA Sr Consultant – Advanced Cyber Defense Practice EMEA
Marco Casazza – RSA Sr Technology Consultant