«

»

Dic 03

Il nuoto: storia ed attualità

Il nuoto: storia ed attualità

\r\nIl nuoto è l’attività fisica per eccellenza, oltre ad essere una disciplina olimpica di grande successo e un’attività altamente creativa. \r\nA testimonianza di quanto questo sport sia antico, esistono dei reperti storici rinvenuti più di 7000 anni fa, ovvero le pitture rupestri, che rappresentano scene di uomini che praticavano il nuoto fin dai tempi della pietra. \r\nAnche se molto duro a livelli agonistici, il nuoto è considerato lo sport più completo di tutti, in quanto permette al corpo di utilizzare tutti i muscoli, favorendo la salute e il benessere psicofisico dell’individuo. Anche in termini estetici il nuoto conferisce al corpo dei grandi benefici, come la riduzione della massa grassa a favore di quella magra, lo sviluppo osseo, il miglioramento delle capacità respiratorie, della resistenza e della coordinazione motoria. \r\n

La storia del nuoto

\r\nLe origini del nuoto risalgono al periodo preistorico, come confermano i disegni rupestri rinvenuti sull’altopiano del Gilf Kebir, nel deserto libico, nei quali erano raffigurati degli uomini intenti a praticare movimenti molto simili a quelli degli stili di nuoto che conosciamo oggi.\r\nIn Europa, il nuoto come disciplina agonistica iniziò intorno all’800, quando veniva praticato lo stile dorso. Nel 1833 venne indetta la prima competizione di nuoto e di tuffi, mentre nel 1896, il nuoto fu inserito nei primi Giochi Olimpici moderni di Atene. Nel 1908 venne istituita la Fédération Internationale de Natation Amateur, conosciuta anche come FINA. \r\n

Fisiologia e benefici del nuoto

\r\nIn termini di benefici fisici, il nuoto è considerato lo sport più completo al mondo, perché impiega nell’esercizio quasi tutti i muscoli del corpo. I diversi muscoli che vengono azionati con la pratica del nuoto dipendono dal tipo di stile che si adotta: per lo stile libero si utilizzano maggiormente le braccia ed il tronco, mentre per lo stile a rana si impiegano principalmente le gambe. \r\nL’allenamento da nuoto comprende anche una buona fetta di esercizio aerobico, in quanto i tempi di esercizio sono a volte lunghi e necessitano di un apporto di ossigeno ai muscoli continuativo. Il corpo umano è inoltre facilitato nella pratica dell’esercizio in acqua, perché ha una densità simile a quella dell’acqua, che lo sostiene e lo aiuta a mantenersi a galla, riducendo lo stress e la fatica a carico delle ossa. Come negli altri sport, anche nel nuoto occorre svolgere correttamente gli esercizi per evitare di peggiorare il proprio stato fisico; il corretto svolgimento dell’allenamento in acqua è però possibile solo se le strutture adibite al nuoto sono affidabili in termini di funzionamento e di sicurezza. \r\n

L’importanza delle piscine regolamentari

\r\nPer permettere al nuotatore di svolgere un corretto allenamento in acqua è necessario che la piscina e le attrezzature che la compongono siano regolamentate secondo gli standard igienici e relativi alla sicurezza. La FINA ha redatto il regolamento che disciplina ogni parametro tecnico ed amministrativo, relativo all’installazione di una piscina olimpionica regolamentare. Per quanto riguarda la fabbricazione delle piscine olimpioniche destinate al nuoto agonistico, esistono numerose ditte sul territorio, ad esempio quelle che si occupano della costruzione di piscine a Roma, oppure le aziende specializzate nella fabbricazione di piscine olimpioniche, presenti nelle grandi città come Roma. \r\nLe piscine olimpioniche non sono solo delle vasche di una determinata lunghezza e profondità, ma dei veri e propri impianti natatori per i quali sono richieste delle specifiche tecniche standard, che si possono consultare all’interno del regolamento FINA riguardante le caratteristiche delle piscine olimpioniche. \r\nOltre al nuoto, esistono anche altre tipologie di discipline in acqua, ognuna delle quali necessita di una propria piscina predisposta secondo le esigenze di quella determinata specialità acquatica.