«

»

Feb 13

Isolamento termico interno o esterno? come scegliere

Secondo delle recenti statistiche effettuate da una delle aziende leader nel campo immobiliare, quasi l’80% degli edifici Italiani non sarebbero a norma dal punto di vista energetico, ovvero nello specifico non raggiungerebbero i parametri indicati dalla comunità Europea in materia di risparmio energetico ed efficienza sia dal punto di vista delle costruzioni che dei materiali utilizzati.

\r\n

\r\n\r\n

Per questo motivo negli ultimi periodi i governi stanno incentivando aziende e cittadini ad un utilizzo sempre più parsimonioso dell’energia elettrica e delle risorse energetiche in generale, inoltre sgravi fiscali alle aziende per adottare strumentazione ad alta efficienza sottoforma di titoli di efficienza energetica (certificati Bianchi), come si può vedere le opportunità per risparmiare sia in termini energetici ed economici sono molteplici.

\r\n

Uno degli interventi più utilizzato per migliorare le performance isolanti delle abitazioni è quello di applicare un cappotto termico, ma c’è una scelta che risulta sempre difficile da fare ovvero effettuare l’isolamento termico interno o esterno? una scelta non facile che va valutata in base alla location a cui andrà fatto l’intervento.

\r\n

I due interventi hanno pecularietà diverse e costi differenti, effettuando un isolamento dall’interno si perde in volume abitabile ma si risparmia in lavori e soldi in quanto i pannelli si applicano direttamente sulla parete, i risultati sono buoni ma non ottimi, mentre l’isolamento termico dall’esterno risulta più oneroso dal punto di vista economico perchè comporta  maggiori spese di lavori edili ma il risultato è ottimo specialmente se il lavoro viene effettuato a regola d’arte.

\r\n

 A prescindere dal tipo di intervento è fondamentale oggi giorno dedicare una parte del budget ad interventi di risparmio energetico della casa, per risparmiare e per migliorare il confort abitativo che nel tempo può portare a molteplici problemi di salute.