«

»

Mag 12

Metodi naturali ed interventi meccanici

Negli ultimi anni sono arrivati moltissimi metodi per l’allungamento del pene, alcuni naturali altri invece che richiedono l’intervento meccanico e / o chirurgico, metodi che sono comunque di grandissimo interesse tra gli uomini, da sempre particolarmente preoccupati di essere inadeguati proprio a livello di dimensioni.

Oggi ci occuperemo di mostrare, in una brevissima rassegna, quelli che sono i metodi che funzionano più comuni per l’allungamento del pene, metodi che possono offrire un supporto scientifico a sostegno del loro funzionamento e che possono essere utilizzati, senza ricorrere alla costosa e pericolosa chirurgia, per guadagnare qualche centimetro.

I problemi della chirurgia al pene

Prima di affrontare la possibilità di allungare il pene con metodi casalinghi o naturali, è necessario fare una brevissima premessa per quanto riguarda la chirurgia del pene, chirurgia che sarebbe in grado, almeno secondo i più ottimisti, di migliorare le dimensioni del pene sia in lunghezza che in circonferenza.

Ci sono diversi metodi che vengono utilizzati dai chirurghi per ottenere questo miglioramento nelle dimensioni, metodi che però condividono problemi che rendono la chirurgia un metodo per l’allungamento del pene da lasciare sempre o quasi come ultima ratio, ovvero come metodo e sistema al quale ricorrere soltanto quando gli altri abbiano fallito:

  • costi: la chirurgia ha dei costi spesso esorbitanti, diverse volte superiori a qualunque altro metodo per l’allungamento del pene
  • rischi: nonostante le tecniche chirurgiche per l’intervento sul pene si siano molto affinate negli ultimi tempi, ci sono comunque rischi che riguardano infezioni, complicazioni post-operatorie, peggioramento della capacità di ottenere un’erezione, etc.

La chirurgia del pene deve essere dunque riservata esclusivamente a quei casi in cui gli altri metodi, che andremo a presentare tra pochissimo, non dovessero aver funzionato.

I metodi meccanici per l’allungamento del pene: pompe ed estensori

Esistono metodi meccanici, che possono essere utilizzati casa praticamente da tutti, per ottenere un allungamento del pene certo, naturale e di lungo periodo.

Pompe peniene: sono pompe che utilizzando il vuoto stimolano l’afflusso di sangue verso i corpi cavernosi del pene, garantendone, con la ripetizione dell’esercizio per periodi relativamente lunghi, l’estensione. Le pompe peniene sono migliorate negli ultimi anni e hanno affiancato, al metodo tradizionale di creazione del vuoto, anche il ricorso a sistemi con valvola ad acqua, che garantiscono una creazione del vuoto più dolce e più graduale.

Estensori: gli estensori possono essere utilizzati per mettere il pene in trazione e ottenere, sul medio e lungo periodo, un allungamento del pene effettivo. Gli estensori sono forse più complicati da utilizzare rispetto alle pompe peniene, anche se i risultati sono più facili da utilizzare.

Per chi vuole metodi più… naturali

Chi è alla ricerca di metodi completamente naturali per l’allungamento del pene potrà scegliere dall’ampio corredo offerto oggi sul mercato di prodotti a base di integratori naturali e principi attivi non di estrazione chimica, che possono aiutare i tessuti a diventare più elastici e il pene a diventare non solo più lungo, ma anche più capace di ottenere e mantenere erezioni.

Pillole: a base di principi attivi naturali, stimolano l’afflusso sanguigno verso i corpi cavernosi del pene e li rinforzano. Sono facili da assumere, perché non dovremo che ricordarci di prenderle una o due volte al giorno.

Creme e unguenti: utilizzano gli stessi prodotti, grosso modo, delle pillole, applicandole però direttamente sul pene. Buoni risultati, possibilità di rinvigorire anche le erezioni, ma forse meno pratici delle compresse. Buone per chi vuole combinare i due effetti, anche a pochi minuti dall’incontro sessuale.