«

»

Apr 19

SCOPERTO IL MOSTRO DI LOCH NESS TRAMITE GOOGLE MAPS? (VIDEO)

Un’immagine satellitare rivela una misteriosa forma in agguato nelle Highlands scozzesi

\n\n


Alcune incredibili immagini del Lago di Ness in Scozia, riprese da un satellite, ha rivelato uno strano fenomeno nelle acque al largo della citta` di Dores. Alcuni cacciatori nell’area sono stati capaci di vedere le immagini mentre venivano elaborate dal sito di Google Maps e sono rimasti allibiti. Le immagini erano visibili soltanto a persone munite di IPad o I-phone. La fortunosa scoperta delle immagini ha scatenato l’interesse dei cacciatori del mostro di Loch Ness. 

\n

\n\n


Per costoro le immagini sono inconfutabili. Soltanto Nessie potrebbe aver causato quello spostamento di acqua senza nessuna imbarcazione o altro mezzo alla superficie. Il club ufficiale Loch Ness Monster Club è subito stato interpellato. Chiaramente le immagini per i seguaci di ‘Nessie’ non sono che conferma della sua esistenza. Il Veterano dei ‘Nessie watch’, il signor Campbell, ha già detto che l’immagine in questione, che mostra la scia d’acqua nel lago, non è di facile interpretazione, ma esperti sono stati chiamati per aiutare nell’esplorazione scientifica delle scie e del loro possibile significato. Infatti, la scia d’acqua assomiglia a quella prodotta da un natante, di stazza notevole, ma nell’immagine non ve n’è traccia, indicando percio` che la causa della scia deve essere prodotta da qualcosa sotto la superficie del lago. 

\n

\n\n


La direzione delle scie è verso Sud, ed a meno che non vi siano sottomarini nel lago la cui presenza non è stata pubblicata dalla stampa, la grandezza dell’oggetto – o animale – corrisponde alla grandezza che si attribuisce al fantomatico Nessie. Erano infatti 18 mesi che non vi erano notizie o avvistamenti di Nessie, secondo i cittadini, e Campbell è contentissimo di sapere che Nessie è di nuovo ‘tornato’ a farsi notare. Campbell inoltre è sorpreso dal fatto che mentre le persone a riva non sono state capaci di vedere Nessie, invece iI satellite ora potrebbe rivelarne la presenza quando è sotto la superficie dell’acqua. 

\n

\n\n


Un premio di ben 1000 sterline era stato bandito per chiunque avesse notizie di Nessie, che sembrava fosse scomparsa per sempre. Se fosse veramente Nessie, la preistorica creatura ormai avrebbe più di 1500 anni, dato che I primi avvistamenti risalgono al 560 D.C. Sono stati ben 1036 gli avvistamenti in questi 15 secoli, a seconda delle cronache locali. Campbell inoltre ci informa che il numero di avvistamenti era in diminuizione già dal principio del 900, ma che questi 18 mesi di assenza erano I primi in 90 anni di presenza, diciamo quasi costante. 

\n

\n\n


Ora che abbiamo “spie” nel cielo, dice Campbell, forse avremo più indizi che renderanno la gente più curiosa e desiderosa di venire al lago Ness per vedere la famosa ‘dinosaura’. E, continua Campbell, il satellite potrebbe aiutare I fotografi a riva ad individuare la timida Nessie e finalmente produrre foto più reali e più numerose.

\n

\n

Tradotto da Redazione Blue Planet Heart 

\n

Tratto da:www.dailymail.co.uk

\n

Fonte:http://blueplanetheart.blogspot.it/2014/04/scoperto-il-mostro-di-loch-ness-tramite.html

\n