«

»

Apr 18

Scoperto primo “pene femminile” del regno animale

Neotrogla in accoppiamento - la femmina ha un pene e il maschio una vaginaGli scienziati hanno scoperto quattro specie di insetti brasiliani in cui le femmine possiedono un pene ed i maschi possiedono una vagina. Questo annuncio, fatto ieri sulla rivista Current Biology, rappresenta il primo caso documentato di un “pene femminile” nel regno animale.

\n

Contrariamente alla credenza popolare, la presenza o l’assenza di determinati organi sessuali non è il fattore determinante al momento di decidere quale animale di una specie è femminile e quale maschile. In realtà, i biologi non usano cromosomi sessuali. Essi in realtà si basano sulla dimensione dei gameti di un animale – spermatozoi nei maschi e nelle femmine oociti come “regola”. Le femmine sono il sesso che contribuiscono ai più grandi gameti, mentre i maschi sono il sesso che contribuiscono i più piccoli gameti e quindi spendono la minor quantità di energia per produrre queste cellule. Quindi, in questo particolare caso di inversione dei ruoli sessuali, la convenzione si applica ancora: la femmina in queste specie di insetti produce i più grandi gameti – le cellule uovo.

\n

pene femminile in un insetto

\n

“Il pene femminile è una struttura completamente nuova“, ha dichiarato Kazunori Yoshizawa, un entomologo presso l’Università di Hokkaido in Giappone e co-autore dello studio, in una email a The Verge. Fatta eccezione per produrre i gameti più grandi e con un apparato di deposizione delle uova, le femmine in queste quattro specie di insetti alati, chiamati Neotrogla, sembrano essere diventate “molto maschile” nel tempo evolutivo, ha aggiunto Kazunori. La comparsa di una struttura tale è eccezionalmente rara, ha detto, e “può essere comparabile con l’origine delle ali degli insetti.”

\n

 ricercatori hanno scoperto questi insetti cavernicoli nel fiume Peruaçu River Valley del Brasile. A prima vista sono insignificanti, ha detto Yoshizawa, perché assomigliano ad altri insetti cavernicoli nella regione. Ma quando è il momento di accoppiarsi, la femmina monta il maschio e penetra la sua vagina utilizzando il suo gynosome – il termine usato per designare il suo pene femminile. Questo comportamento di accoppiamento dura un impressionante tempo dalle 40 alle 70 ore, grazie alla parte gonfiabile della femmina, il pene si ancora nei tessuti interni del maschio. Durante questo tempo, la femmina Neotrogla raccoglie grandi quantità di sperma che utilizza per fecondare le uova. “Perché la forza di ancoraggio della femmina è molto forte, la resistenza di un maschio può causare danni ai suoi genitali”, ha detto Yoshizawa. “Pertanto, è molto probabile che interi processi di accoppiamento sono controllati attivamente da femmine, mentre i maschi sono piuttosto passivi.”

\n

pene femminile e vagina maschile negli insetti NeotroglaMichael Siva-Jothy, un entomologo presso l’Università di Sheffield, nel Regno Unito, che non ha partecipato a questo studio, ha detto in una email a The Verge che i risultati sono “molto, molto emozionanti.” Esempi come questo, ha osservato, consentono ai ricercatori di esaminare diversi fattori che guidano come queste caratteristiche si evolvono. Alla domanda su come il pene femminile potrebbe essersi evoluto, invece, Siva-Jothy era perplesso. “E’ così bizzarro“, ha detto. “Non so da dove cominciare.”

\n

Yoshizawa è stato altrettanto sorpreso vedendo questi insetti per la prima volta. “Di solito, una nuova struttura si evolve come una modifica di una struttura esistente in precedenza”, ha detto. Ma questo pene femminile non ha precedenti. L’evolversi di una struttura come questa, Yoshizawa ha detto, è “estremamente difficile”, perché lo sviluppo di questa forma di accoppiamento avrebbe richiesto le evoluzioni armoniose di entrambi i genitali maschili e femminili, e la loro corrispondenza esatta.

\n

I ricercatori stanno ora raccogliendo dati genomici da confrontare da questi insetti con altre specie strettamente correlate. Essi sperano che queste informazioni possano aiutarli a capire come lo sviluppo del pene femminile si è verificato. “Questi insetti rappresentano probabilmente le femmine più ‘macho’ tra gli animali scoperti fino ad oggi“, ha detto Yoshizawa. “E ‘importante per svelare il perché.”

\n

Fonte:http://www.globochannel.com/2014/04/17/scoperto-primo-pene-femminile-del-regno-animale/

\n

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.  Pianetablunews lo trovi anche su google plus

\n

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

\n

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!